Home
Home
Connect

McGraw-Hill Education (Italy) srl

ITALIA Indian Flag
Strumenti Tools Print Larger font Smaller font Bookmark this page
 
Share/Bookmark

DISCIPLINE
Economia ed Economia aziendale
Informatica
Ingegneria e architettura
Medicina
Scienze infermieristiche e professioni sanitarie
Scienze matematiche, fisiche, chimiche e biologiche
Scienze umane e sociali
Monografie
Pubblicazioni dalle aziende
La malattia di Alzheimer - Dall’epistemologia alla comunicazione non verbale

Di: Maria Rosaria Liscio, Maria Caterina Cavallo


La malattia di Alzheimer - Dall’epistemologia alla comunicazione non verbale


ISBN: 9788838627255,
Prezzo: € 20,00
Pubblicazione: giugno 2000
Pagine: 156
Salta il modulo e acquista online


Mi piace questo libro

Visualizza titoli simili:
Categoria: Scienze biomediche
Disciplina: Psicologia
Specifico: Clinica psicologica e psicoterapia
Collana: Psicologia

Descrizione | IndiceGli autori |

DESCRIZIONE

All’inizio erano solo lacune di memoria. Una situazione tutto sommato spiegabile con l’età. Nel giro di qualche mese compaiono sbalzi d’umore, i familiari e ancor più i vicini non vengono più riconosciuti: l’anziano perde la capacità di usare oggetti in precedenza ben noti; si perde in ambienti nuovi; perde gradualmente ogni autonomia. La diagnosi all’inizio solo temuta, gradualmente si conferma. Malattia di Alzheimer.
Tra farmaci, riabilitazione motoria e strategie di intervento di orientamento alla realtà, si aprono molte possibilità di azione. Attualmente, comunque, la patologia può essere curata; purtroppo, non guarita.
Nel suo lungo declino, la capacità di esprimersi con parole e frasi ben costruite gradualmente si perde. A questo punto, generalmente, gli interventi terapeutici vengono ridotti a quelli necessari a garantire la sola sopravvivenza. Proprio in queste circostanze è importante saper comunicare con chi non sa più parlare. Gesti, carezze, mimica, vicinanza sono strumenti preziosi per mantenere il contatto, ma il loro uso deve essere compreso e interpretato.
Mantenere la comunicazione al di là della perdita della capacità di parlare, mantenere un flusso di affetti e rassicurazioni con chi si sta perdendo, consentire ai familiari di godere delle ultime occasioni di reale vicinanza, permettere ai terapeuti di non abbassare il livello di cure con pazienti finora considerati, sbagliando, non più curabili. Questa l’ultima frontiera della cura, e della terapia, del paziente con malattia di Alzheimer.

INDICE

1) La malattia di Alzheimer
2) I disturbi comportamentali
3) Gli studi epidemiologici e l'analisi dei bisogni
4) La comunicazione
5) La comunicazione non verbale
6) Imparare a relazionarsi con il malato

GLI AUTORI

Maria Rosaria Liscio, Maria Caterina Cavallo

Mariarosaria Liscio è Psicologa clinica
Maria Caterina Cavallo è ricercatrice presso il CeRGAS, Centro di Ricerche per la Gestione dell’Assistenza Sanitaria dell’Università Luigi Bocconi di Milano

Top

Chi siamo | Condizioni di utilizzo | Informativa sulla privacy | Normativa sul diritto d’autore| Modello di organizzazione, gestione e controllo | Contattaci | Assistenza | Come ordinare | Mappa del sito

Copyright © 2002 -2017 McGraw-Hill Education (Italy) srl
Via Ripamonti 89, 20139 Milano, Italia - Telefono +39 02/5357181 - Fax +39 02/5397633
Cap. Soc. Euro 10.000 Int. vers. | Codice Fiscale e P. IVA 07805780967 - Iscritta presso la C.C.I.A.A. di Milano numero di iscrizione 07805780967 | R.E.A. 1982936